Al PUA ASL ….

                                                                                                                           Via …….. - città
                                                                                                                            Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Al Comune di ___________________________

Settore Servizi Sociali 

(Via PEC o brevi manu al Protocollo generale)

 

Luogo e data

OGGETTO:  Richiesta di predisposizione del “ Progetto Individuale per la persona disabile”

ex art. 14 Legge n. 328/00

NOME E COGNOME DELLA PERSONA DISABILE

 

Il sottoscritto

Nome e Cognome del Genitore richiedente, nato a _____________ il ___/___/_____,

residente in _______________________________ alla Via ________________________________

_______________________________, Telefono__________________________,

PEC _______________________________ (se disponibile),

 

in qualità di amministratore di sostegno del disabile

NOME E CONGOME DEL DISABILE, nato a ________________ il ___/___/_____,

residente in _______________________________ alla Via ________________________________

_______________________________, Codice Fiscale __________________________________

 

PREMESSO CHE

  • la Legge n. 328/2000 (“Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”) prevede la possibilità di richiedere che il Comune predisponga un Progetto Individuale per le persone con disabilità (Art. 14);
  • l’art. 6 della Legge 328/2000 pone a carico del Comune di residenza del disabile la progettazione, programmazione, realizzazione ed erogazione dei servizi, secondo le necessità, le esigenze, le prerogative e le potenzialità della persona con disabilità ed indipendentemente da una eventuale presa in carico da parte della competente Asl per i servizi socio-sanitari, anche in convenzione;
  • l’art. 6 L.r. n. 23/2003 prevede che “L’accesso al sistema integrato di interventi e dei servizi sociali è realizzatoa partire da una valutazione professionale del bisogno che garantisca risposte appropriate e personalizzate. ….. La valutazione del bisogno si conclude con la predisposizione di un progetto personalizzato, concordato con la persona e la sua famiglia, dove sono indicati la natura del bisogno, la complessità e l’intensità dell’intervento, la sua durata, nonché i costi sopportati e le responsabilità in ordine alla attuazione e verifica”;
  • attraverso il progetto individuale i vari interventi di integrazione/inclusione, di cui è destinataria la persona con disabilità, vengono coordinati e realizzati al fine sia di evitare inefficaci sovrapposizioni degli stessi sia di indirizzare i vari interventi verso un’adeguata risposta alle particolari ed individuali esigenze del beneficiario;
  •  il progetto individuale costituisce uno strumento necessario a carico del Comune attraverso il quale assicurare il Benessere complessivo della Persona con disabilità, tenendo presente i suoi interessi, le sue potenzialità, e le sue esigenze;
  • il ritardo nella predisposizione e nella realizzazione di un progetto individuale potrebbe ledere anche in maniera irreparabile lo sviluppo psico-fisico e l’estrinsecazione della personalità del beneficiario, con conseguente richiesta di risarcimento danni non patrimoniali;
  • il ritardo nella predisposizione e nella realizzazione del progetto individuale può anche creare un grave e risarcibile danno anche dal punto di vista del corretto uso delle risorse pubbliche;

 

CHIEDE CHE

codesto Ente predisponga, ai fini della sua realizzazione, un Progetto Individuale per il disabile _______________________________________________, concordandolo con la famiglia e gli operatori coinvolti negli interventi già in atto.

 

All’ uopo si allega alla presente:

  1. copia del certificato rilasciato dalla Commissione Sanitaria Invalidi Civili;
  2. copia del certificato attestante la situazione di handicap, rilasciato dalla Commissione Invalidi civili Integrata;
  3. elenco dei servizi e dei progetti cui già accede il destinatario;
  4. relazione della figura professionale che, fino ad oggi, ha coordinato i vari interventi a beneficio di ____________________________________;
  5. certificato di famiglia della persona con disabilità (dichiarazione sostitutiva);
  6. documento di riconoscimento del richiedente.

 

Si richiede la comunicazione del nominativo del Responsabile del Procedimento, oltre all’indicazione delle modalità di partecipazione al suddetto procedimento, unitamente ai tempi, previsti per legge, per l’adozione del provvedimento espresso.

 

                                                                                                                                Firma del richiedente