Precedenti ricerche avevano già suggerito che la comprensione del linguaggio poteva essere particolarmente compromessa nei bambini con disturbi  dello spettro autistico, ma questo aspetto era sempre stato poco caratterizzato. Lo studio condotto da diverse Università americane, pubblicato nel 2014 su ResearchGate1 ha esaminato la comprensione della frase nei ragazzi autistici in età scolare, tra i quali è stato osservato anche un sottogruppo con disabilità intellettiva, con particolare attenzione agli errori che potrebbero discriminare tra le difficoltà della base lessicale e quella sintattica. I partecipanti erano ragazzi con autismo (n = 45, età 4-11 anni) e ragazzi più giovani con sviluppo tipico (n = 45; età 2-6 anni). La comprensione è stata valutata con il test psicometrico per la comprensione della Grammatica (TROG-2).  Sono stati analizzati diversi tipi di errori come sottoinsiemi di diversi elementi. 

I ragazzi con autismo non differivano da giovani ragazzi con sviluppo tipico nella comprensione del vocabolario nella frase globale (sulla TROG-2) o nel numero di errori lessicali commessi. Al contrario, il sottogruppo di bambini con autismo e disabilità intellettiva (n = 16) ha avuto minori prestazioni complessive e ha commesso più errori lessicali dei giovani ragazzi con sviluppo tipico nell’interpretazione. In particolare nelle diverse componenti del linguaggio: Fonologia, Semantica, Grammatica e Pragmatica. Il linguaggio infatti non è una funzione unitaria, ma un insieme di abilità che possono risultare ritardate o deficitarie secondo diverse linee o dimensioni dello sviluppo.

Lo studio ha indotto nella conclusione, da parte dei ricercatori, che in media la comprensione (fonologica/semantica: linguaggio espressivo) nei ragazzi autistici e in quelli con ritardo cognitivo sia rallentata in età scolare, ma non lo sia oltre le aspettative nel linguaggio ricettivo. 

Ragazzi con ASD e disabilità intellettiva, tuttavia, hanno mostrato una fragilità nella comprensione dei significati impliciti nel linguaggio (la capacità di decodifica del messaggio oltre il puro significato semantico), al di là dell’aspettativa di comprensione dei linguaggi non verbali.

 

1 https://www.researchgate.net/publication/261256340_Sentence_Comprehension_in_Boys_With_Autism_Spectrum_Disorder